TRIBUNALE

«Investì carabiniere a Barrafranca»: cade l’accusa di tentato omicidio

di

BARRAFRANCA. Secondo i carabinieri, avrebbe investito con la macchina un carabiniere, rimasto lievemente ferito, che poi gli ha sparato ed è riuscito a bloccarlo. Ma Gianfilippo Di Natale, ventenne di Pietraperzia, che rimase anch’egli ferito, ovviamente, in quelle fasi, ha lasciato i domiciliari, con obbligo di dimora.

E questo perché è caduta, dinanzi al Riesame, l’accusa di tentato omicidio. I giudici del Tribunale di Libertà di Caltanissetta hanno accolto la tesi del suo difensore, il penalista Gaetano Giunta del foro di Catania, che ha documentato con indagini difensive la propria tesi: il giovane, in pratica, non avrebbe avuto alcuna intenzione di provare a uccidere un carabiniere. Per questo l’ipotesi di reato viene derubricata in lesioni aggravate. Lo ha deciso il Riesame, ma l’inchiesta va avanti, coperta dal più stretto riserbo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X