INDAGINI

Si segue la pista mafiosa per il delitto di Barrafranca

di
delitto barrafranca, mafia, Enna, Cronaca
Il luogo del delitto

BARRAFRANCA. Gli investigatori dell’Arma sembrano non avere dubbi: Filippo Marchì, il rivenditore d’auto quarantottenne massacrato con diversi spari al volto e al torace da un commando di sicari armati di fucile a pallettoni e pistola (forse calibro 7,65), domenica mattina intorno alle 7, è stato vittima di un’esecuzione di stampo mafioso.

La pista riconducibile a Cosa nostra sembra essere dunque la privilegiata dai carabinieri, che indagano sul delitto. Si lavora sugli interessi dei clan nella zona e anche su qualcosa di troppo che Filippo Marchì, un commerciante sposato e padre di due figlie – un incensurato, descritto come lontanissimo dalle logiche e dalle attività dei mafiosi barresi, lui che fu sempre assolto quando ha avuto a che fare con la giustizia – potrebbe aver visto o saputo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X