RELAZIONE DIA

Corruzione e mafia, nuovi intrecci nell'Ennese

di

ENNA. Gruppi di «cani sciolti», più o meno organizzati, sono presenti su tutto il territorio provinciale, collegati con la mafia catanese o, in certi casi, a disposizione di una delle cinque storiche cosche dell’Ennese. Ed emergono nuove strategie di penetrazione nelle stanze dei bottoni, attraverso la corruzione, per ottenere appalti o contributi pubblici. In questo modo Cosa Nostra continua a mantenersi forte, nonostante continue «rimodulazioni degli equilibri tra le famiglie» e nonostante l’assenza di una guida operativa «universalmente riconosciuta».

Ad affermarlo è l’ultima relazione della Dia «La corruzione è la pistola del futuro – afferma il colonnello Giuseppe Pisano, capocentro della Dia -. È lo strumento con cui la mafia cercherà sempre di più il rapporto con le istituzioni: non più ricatto armato con fatti di sangue, ma coinvolgimento mellifluo, una sorta di “do ut des”, per venire a patti al fine di ottenere utilità reciproche».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X