TRIBUNALE

Detenuto violentato in carcere ad Enna, chiesti sei rinvii a giudizio

di

ENNA. La Procura di Enna ha chiuso con sei richieste di rinvio a giudizio l’inchiesta sulla violenza sessuale di gruppo e le sevizie che un detenuto catanese, in cella per il furto di un motorino, avrebbe subito in carcere da altri reclusi. Il sostituto procuratore Francesco Rio ha deciso di esercitare l’azione penale per tutti, estendendo l’indagine ad altri due indagati rispetto ai quattro catanesi che furono arrestati lo scorso novembre dai carabinieri di Enna e dalla Polizia penitenziaria, ovvero il trentasettenne Roberto Spampinato, Giovanni Sapuppo di 36 anni, Antonino Spoto di 32 e il ventiduenne originario del Venezuela Gabriel Enrique Segovia.

Il caso approderà il 21 settembre di fronte a un Gup per l’udienza preliminare. L’avviso di chiusura dell’indagine è arrivato dopo la perizia eseguita sulla vittima, che avrebbe confermato una compatibilità tra il suo racconto – ha riferito di essere stato stuprato con una bottiglia di profumo e rinchiuso all’interno di una cella da altri detenuti, che avrebbero commesso torture indicibili – e le lesioni di cui vi era ancora traccia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X