IL CASO

Morti sospette a Radiologia a Enna: "Le attrezzature in regola"

di

ENNA. Morti sospette a Radiologia, nessun legame tra radiazioni ionizzanti e decessi. A dirlo è l’apposita commissione voluta, a dicembre dello scorso anno, dalla direzione aziendale dell’Asp di Enna e presieduta dal professor Massimo Midiri, direttore del Dipartimento scienze radiologiche dell’Azienda ospedaliera universitaria di Palermo.

Sotto la lente d’ingrandimento dell’indagine erano finiti i servizi di Radiologia dell’Umberto I di Enna e del Chiello di Piazza Armerina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X