TRIBUNALE

Abusi su una dodicenne nell'Ennese, ridotta la condanna

di

ENNA. A soli dodici anni sarebbe divenuta vittima degli appetiti sessuali del compagno di una sua parente, un pregiudicato all’epoca poco meno che quarantenne. L’uomo, originario di un paesino a ridosso del capoluogo, secondo la Squadra mobile ne approfittava ogni volta che riusciva a restare solo con lei.

Le avrebbe tolto il telefonino per non farle chiedere aiuto ai suoi genitori e avrebbe pure tentato di costringerla a tacere, minacciandola anche telefonicamente. Adesso però l’imputato, che in prima istanza aveva preso dieci anni, grazie a una sentenza esemplare, emessa cinque anni fa dal Tribunale collegiale ennese, presieduto da Giuseppe Tigano – sentenza che andò oltre le richieste del pubblico ministero (otto anni) – ha ottenuto adesso un maxi-sconto di pena in secondo grado. La condanna scende da dieci a 5 anni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X