LA DDA

L'omicidio Leonardi a Catenanuova, chiuse le indagini

di

CATENANUOVA. Dell’omicidio di Prospero Leonardi, il trentenne ucciso da un sicario della mafia, a colpi di pistola, il 23 maggio 2012, a Catenanuova, i pentiti hanno rivelato il movente e l’appartenenza dei mandanti, ovvero il clan Cappello di Catania. Gli «stiddari» catanesi vollero così stroncare sul nascere il tentativo del giovane di riportare al potere Cosa Nostra e il gruppo che faceva riferimento a suo cugino Salvatore, detenuto.

Ciò che manca, però, è una chiara e univoca indicazione su chi siano stati i mandanti e l’esecutore materiale. Sul punto, infatti, le ricostruzioni dei collaboratori di giustizia sono divergenti e tutt’altro che univoche. Per questo la Dda di Caltanissetta ha archiviato senza indagati, quantomeno per il momento, l’indagine sul delitto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X