GUARDIA DI FINANZA

Truffe all’Agea, sequestrati beni per 210 mila euro tra Enna e Messina

di

ENNA. Ha raggiunto l’area al confine tra le province di Enna e Messina l’inchiesta della Procura ennese per truffa e falso ai danni dell’Agea che vede indagati, in differenti procedimenti istruiti negli anni, centinaia di agricoltori, accusati di aver ottenuto illecitamente diverse decine di milioni di euro.

Ieri i carabinieri della sezione di Pg, unità tutela ambientale, agroalimentare e forestale di Enna, in collaborazione con il nucleo investigativo e le Fiamme Gialle del nucleo di polizia tributaria, hanno sequestrato beni per un totale di 210 mila euro – tra somme di denaro e quote di appartamenti – a due imprenditori agricoli originari di Capizzi, nel Messinese, T.C.R. e F.M.P. Indagati sono anche due operatori dei Caa, i centri di assistenza agricola. Duecentodiecimila euro è l’entità del presunto provento della truffa. I quattro hanno anche ricevuto un avviso di conclusione delle indagini per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso ai danni dell’Unione Europea e riciclaggio di denaro di provenienza illecita. Agli indagati, oltre alla contestazione dei reati, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 105 mila euro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X