TRIBUNALE

Pizzo a Leonforte, l’antiracket parte civile

di

LEONFORTE. «Siamo al fianco della vittima. Ci siamo costituiti parte civile, come sempre, contro le organizzazioni mafiose». Così Renzo Caponetti, presidente dell’associazione antiracket e antiusura «Giordano» di Gela e coordinatore regionale della «Fai», la Federazione delle associazioni antiracket, ha annunciato la costituzione di parte civile, avvenuta ieri, al processo «Homo Novus 2», con 8 imputati, tra cui il boss di Leonforte Giovanni Fiorenza detto «sacchinedda», il figlio Alex detto «u stilista», entrambi già condannati in via definitiva per associazione mafiosa, Giuseppe Viviano detto «Pippu u catanisi», Mario Armenio detto «l’olandese» e il leonfortese Angelo Monsù.

Vi sono poi altre tre persone, indagate sin dall’inizio a piede libero. Sono tre insospettabili. Uno fa l’imprenditore edile ed è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, gli atri due sono proprietario e dipendente di un’ottica, accusati di concorso in estorsione. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Ones Benintende, Giovanni Palermo, Antonio Impellizzeri, Mario Brancato e Giuseppe Greco.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X