BENI ARCHEOLOGICI

Trovato un antico mascherone a Leonforte, la polizia lo sequestra

di

LEONFORTE. Gli agenti del commissariato di polizia hanno posto sotto sequestro un mascherone antico, risalente al ‘600, consegnato spontaneamente da un privato, che lo ha rinvenuto nella sua proprietà, a due passi dalla Granfonte. Si tratta dell’area a ridosso della Sicula Tempe, il giardino tardo rinascimentale fatto realizzare dal principe Nicolò Placido Branciforti.

Il sequestro è stato convalidato dalla Procura di Enna, che ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti per ricettazione e di violazione del cosiddetto «decreto Urbani» sui beni archeologici. Tra i primi a comprendere l’importanza di questo mascherone – che in origine forse era collocato in una delle due porte della Sicula Tempe – è il leonfortese Alfredo Crimì, dottore in archeologia, che con i suoi studi ha fatto sì che fosse riaperto, da parte del Comune, il sito della Sicula Tempe.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X