TRIBUNALE

Minacce di morte ai vicini, scatta al condanna per tre leonfortesi

di

LEONFORTE. Avrebbe aggredito assieme alla moglie e un’altra donna, una coppia di vicini di casa, colpendo a frustate lei – utilizzando un frustino da cavallo – e minacciando di morte lui, marito della principale vittima, perché il loro figlioletto, un bambino di soli sei anni, stava giocando per strada vicino a casa loro.

Per questo il tribunale di Enna ha condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione un leonfortese di 48 anni, Giuseppe La Delfa, riconosciuto colpevole dei reati di lesioni aggravate e minacce. Assieme a lui sono state condannate a 6 mesi e 15 giorni di reclusione ciascuno anche la moglie, Lina Barbuto, e Concetta La Delfa. Le due donne hanno ottenuto la sospensione condizionale della pena. I tre, sostanzialmente, avrebbero aggredito i vicini. In aula il giudice monocratico Giuseppe Tigano ha accolto la tesi accusatoria, esposta dalle parti civili, che sono assistite dagli avvocati Ones Benintende e Francesco Romano, e confermata dai testimoni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X