COSA NOSTRA

"L'influenza dei clan catanesi sulla mafia ennese", la relazione della Dia

di

ENNA. C’è una sottile linea rossa a legare gli interessi di Cosa Nostra ennese con le famiglie catanesi dei Cappello e dei Santapaola.

Le alleanze tra questi clan – miranti a gestire congiuntamente il traffico di droga, sotto il controllo totale dei catanesi, e la raccolta del pizzo, per cui i gruppi ennesi sembrano mantenere un certo grado di autonomia – sono al centro dell’ultima relazione semestrale della Dia, depositata l’altro ieri dal ministro dell’Interno Marco Minniti in Parlamento e che si fonda sui rapporti giunti al centro dalle sedi periferiche (Enna notoriamente fa parte del distretto della Dia di Caltanissetta).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X