TRIBUNALE

Scioperi dei netturbini ad Agira, in 21 assolti

di

AGIRA. Il 2010 fu un anno al calor rosso per i dipendenti del servizio di igiene ambientale, addetti alla raccolta dei rifiuti solidi urbani nel territorio comunale, costretti a scioperare più volte per chiedere il rispetto dei propri diritti di lavoratori.

Nel periodo tra marzo e dicembre gli operatori ecologici scesero ripetutamente sugli scudi, rivendicando il pagamento degli stipendi arretrati, il diritto a una regolare retribuzione, e migliori condizioni di lavoro, ivi compreso il poter operare utilizzando mezzi efficienti, circostanza che non sarebbe stata affatto scontata. Nonostante questo in ventuno – tutti appartenenti al cantiere di Agira dell’Ato rifiuti – sono finiti sotto processo, imputati per interruzione di pubblico servizio, proprio in relazione a quegli scioperi.

Il rovescio della medaglia, infatti, a ogni sciopero era un’emergenza provocata dal degrado: cassonetti stracolmi e strade sporche, fino a quando – al massimo dopo qualche giorno – gli operatori non tornavano al proprio posto a lavorare. Il giudizio di primo grado si era chiuso nel 2015, quando il giudice monocratico del Tribunale di Enna Giuseppe Tigano ha assolto con formula piena tutti gli imputati.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X