TRIBUNALE

Sesso in cambio di droga a Leonforte, chiesta una condanna

di

LEONFORTE. La Dda chiede dieci anni di carcere per Salvatore Mingari Favvento e otto anni e otto mesi per i due presunti complici, Giacomo Catania e Fabio Piccolo. Si è conclusa così la requisitoria del pubblico ministero Roberto Condorelli al processo di rito abbreviato “Muds Weeds Too”, che segue l’inchiesta della Squadra Mobile di Enna e del Commissariato di Leonforte, per cui i tre furono arrestati lo scorso maggio.

La sentenza del Gup Marcello Testaquatra è attesa per giovedì. Secondo l’accusa, Mingari Favvento, imprenditore agricolo di 49 anni, avrebbe chiesto corrispettivi “sessuali”, in alcuni casi, a giovani e belle clienti, in cambio della droga. I due presunti pusher leonfortesi, che per un certo periodo sarebbero stati suoi collaboratori, non c’entrano niente con i pagamenti particolarissimi che Mingari, e solo lui, avrebbe chiesto alle clienti. Per la polizia, i tre avrebbero coltivato marijuana in alcuni terreni, mai scoperti, di Nissoria. In questo modo l’erba passava dal produttore al consumatore, venduta dai coltivatori stessi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X