LE INDAGINI

Omicidio di Barrafranca, la mafia dietro l'assassinio di Zuccalà

di

BARRAFRANCA. Gli hanno sparato a bruciapelo, dandogli un colpo di grazia al volto con un fucile a pallettoni quando forse era già morto. Le uniche novità trapelate ieri, all’indomani del delitto di Antonio Zuccalà, l’ex ragioniere capo del Comune di Barrafranca – ucciso mercoledì mattina nel suo casolare di contrada Friddani, lungo la strada provinciale numero 15 che collega il paese a Piazza Armerina – confermano la modalità mafiosa dell’agguato.

Cinque colpi di arma da fuoco, tre esplosi da una pistola e due da un fucile calibro dodici. Forse un primo colpo di fucile a pallini, per tramortire la vittima, poi un altro sparo da distanza ravvicinata al volto. Al momento, comunque, l’indagine resta di competenza della Procura ordinaria di Enna e del magistrato di turno al momento del delitto, il sostituto procuratore Domenico Cattano, dell’ufficio diretto dal procuratore Massimo Palmeri. Ma in queste ore sarebbero continui i contatti con la Dda di Caltanissetta, dove il fascicolo potrebbe essere trasmesso.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X