TRIBUNALE

Minacciò due suore con un'ascia, condannato 59enne di Aidone

di

AIDONE. Semplicemente, secondo l’accusa, non le tollerava. E per oltre un anno avrebbe reso la vita impossibile a due consorelle laiche sue vicine di casa. Avrebbe sputato contro le pareti di casa, messo bucce di banana davanti alla loro porta e lasciato sacchetti con feci di gallina davanti al garage.

Per questo il Tribunale di Enna ha condannato in primo grado a 1 mese e 10 giorni di reclusione un aidonese, Attilio Alù di 59 anni, con le accuse di “molestia o disturbo alla persona” e minacce. In un’occasione, infatti, l’imputato avrebbe anche minacciato una delle consorelle brandendo un’ascia, perché qualche goccia del prodotto usato per pulire gli infissi di casa loro sarebbe caduta sulla sua macchina. I fatti risalgono al periodo tra il 2012 e il 2013.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X