MAFIA

Cosa nostra ad Enna, la Cassazione dispone la confisca dei beni di Seminara

di

ENNA. La Corte di Cassazione ha definitivamente disposto la confisca dei beni – mobili e immobili, terreni e titoli, dal valore stimato in 10 milioni di euro – appartenenti o riconducibili a Salvatore Seminara, imprenditore agricolo di sessantanove anni, già condannato in via definitiva per associazione mafiosa e ritenuto il boss provinciale di Cosa nostra ennese, colui che dalla metà degli anni Duemila avrebbe rimesso in moto i clan decapitati dalle indagini delle forze dell’ordine.

L’atteso verdetto segna la fine del caso riguardo alla confisca, giunta al termine di una brillante indagine patrimoniale condotta alla Dia di Caltanissetta e dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Enna. Anche grazie al «denaro sporco» proveniente da attività mafiose (nonostante al processo in cui lo hanno condannato non fosse accusato di estorsione o di altri cosiddetti «reati fine» dell’associazione mafiosa), secondo gli inquirenti, «zio Turi», come è soprannominato Seminara, avrebbe accumulato un piccolo impero.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X