OPERAZIONE "CAPOLINEA"

Pizzo sui cantieri della fibra ottica a Enna, Mazza si difende: "Non era un'estorsione"

di

ENNA. «Avevamo rapporti di lavoro e c’erano dei normali scambi di denaro. Non era un’estorsione».

Ha negato ogni addebito Eduardo Mazza, 45 anni, uno dei due ennesi arrestati nell'operazione «Capolinea», con cui gli agenti della Squadra mobile di Enna venerdì scorso hanno scoperto le estorsioni di cui sarebbe stato vittima un imprenditore edile, impegnato nei lavori di posa della fibra ottica in varie città della Sicilia centro-orientale, a cui il clan ennese di Costra Nostra avrebbe imposto il pagamento del pizzo a tutte le cosche dei paesi dove lavorava.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X