COMUNE

Pd ad Enna, tutti i "dissidenti" rientrano nel partito

di

ENNA. Rientrata l’autosospensione dei gruppi dirigenti del Partito democratico ennese che adesso, dopo tre anni di commissariamento, chiedono subito il congresso. Agli inizi di febbraio il gruppo consiliare, prima, e i direttivi, poi, dei due circoli cittadini del Pd decisero di autosospendersi fino alle consultazioni elettorali del 4 marzo scorso per protestare contro le modalità di scelta delle candidature a Camera e Senato. Autosospensione che è andata oltre le elezioni ed è proseguita fino al 19 marzo quando con una nota a firma del coordinatore cittadino del partito, Vittorio Di Gangi, la protesta è rientrata.

I motivi di dissenso nel partito ennese, nel tempo sono stati tanti, compresa l’elezione contentissima dai renziano dell’elezione di Di Gangi a coordinatore, ma a febbraio a determinare la scelta dell’autosospensione fu la contestazione delle modalità con cui erano state composte le liste con nominativi «calati dall’alto».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X