TRIBUNALE

Tentato rapimento di una ragazzina a Nicosia, due romeni accusati

di

NICOSIA. Si è aperto al Tribunale del capoluogo l’incidente probatorio per assumere la testimonianza della quattordicenne nicosiana vittima di un presunto tentativo di rapimento verificatori a novembre scorso. La giovane verrà sentita, in modalità protetta, il 19 aprile prossimo. Data fissata dopo che il perito, incaricato dal Giudice per le indagini preliminari, ha depositato la sua relazione sulla valutazione psicologica della ragazzina.

I due presunti rapitori romeni, Liviu Malin Negreanu, 37 anni, e Florian Horvath, 28 anni, che nell’imminenza dei fatti erano stati arrestati dalla polizia, per tentato sequestro di persona in concorso, continuano a rimanere liberi ma per loro viene mantenuto il divieto di avvicinarsi a Nicosia.

Già all’udienza di convalida dell’arresto Negreanu e Horvathi, che sono difesi dall’avvocato Marco Di Dio Datola, avevano spiegato che non volevano rapire la ragazzina ma solo chiederle l’orario. Subito dopo la convalida il giudice aveva concesso gli arresti domiciliari e dopo poco disposto la remissione in libertà.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X