LE ORDINANZE

Acqua inquinata a Nicosia e Pietraperzia, ancora vietato l'uso

di

NICOSIA. Non si risolve il problema dell’inquinamento nell'acqua che arriva nelle case di Nicosia e Pietraperzia. Nei due Comuni ennesi, dal 20 aprile scorso, è in vigore una ordinanza dei rispettivi sindaci che vieta l’uso dell’acqua potabile per usi alimentari per la presenza di coli fecali.

Il consiglio è di non bere l’acqua del rubinetto e di non utilizzarla per cucinare se non dopo averla fatta bollire per almeno 20 minuti, ma con la precauzione di non bere brodaglie.

L’acqua che presenta un inquinamento microbiologico e quindi non potrà essere utilizzata, così dicono le ordinanze dei sindaci Luigi Bonelli di Nicosia, e Antonio Bevilacqua di Pietraperzia, fino a quando non verranno ripristinati i parametri di potabilità.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X