LA SENTENZA

Estorsione a un imprenditore di Centuripe, tre condanne a Enna

di

Avrebbero costretto un imprenditore di Centuripe a consegnare loro un camion con carrellone e un escavatore, da usare per commettere un furto con spaccata in una banca della provincia di Catania.

Se poi tutto fosse andato liscio, magari, alla vittima sarebbe stato consentito di presentare denuncia, a carico di ignoti. Ma tre presunti estorsori di Adrano, Antonino D’Agate, Giuseppe Verzì e Salvatore Crimi, avevano fatto i conti senza l’oste, perché la vittima ha deciso di non cedere al ricatto del racket e li ha denunciati. Così adesso i tre, arrestati quasi un anno e mezzo fa dai carabinieri, sono stati condannati a 4 anni di reclusione. La sentenza è stata emessa dal Tribunale collegiale di Enna, presieduto dal giudice Giuseppe Tigano, sceso ben al di sotto delle richieste del pm Roberto Condorelli, che chiedeva pene da 8 a 9 anni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X