CASSAZIONE

Mafia, diventa definitivo il 41 bis per Seminara

di
mafia enna, Enna, Cronaca
Salvatore Seminara

È ritenuto un pericoloso capomafia e i suoi contatti in carcere, per evitare che possa mandare messaggi ai suoi complici, devono essere filtrati.

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della difesa e ha confermato, come già fatto dal Tribunale di Sorveglianza di Roma, il 41 bis, il cosiddetto “carcere duro”, per Salvatore Seminara, 71 anni, definitivamente condannato quale boss provinciale di Cosa Nostra ennese e tuttora sotto processo perché ritenuto il capo di una vasta area che da Enna attraversa il Catanese, giungendo fin quasi all’ombra dell’Etna.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X