TRIBUNALE

Causò la morte di un ciclista a Pergusa, pena ridotta in Appello

di

La Corte d’appello di Caltanissetta ha ridotto, da sei anni e quattro mesi a 4 anni e 4 mesi, la pena inflitta al pirata della strada che il 13 settembre di due anni fa investì e uccise, sulla statale 560 “pergusina”, il ciclista ennese Maurizio Vaneria, cinquantenne, dipendente di un supermercato, sposato e padre di due figli. Sconto di pena per il cinquantunenne di Pietraperzia Pasquale Mingrino, perché la corte ha accolto il ricorso del suo difensore, l’avvocato Giovanni Palermo.

Il legale, va detto, non aveva chiesto l’assoluzione, anche perché Mingrino ha ammesso le proprie responsabilità, ma aveva puntato tutto sulle attenuanti chiedendo una riduzione, anche visto il rito scelto, cioè l’abbreviato. Mingrino, come detto, ha confessato, lui che fu scoperto e arrestato, all’indomani dell’incidente, dalla polizia. In aula sono parte civile i familiari della vittima, assistiti dagli avvocati Mauro Di Natale e Salvatore Napoli. L’inchiesta è stata coordinata dal sostituto procuratore Giovanni Romano e diretta dal procuratore capo Massimo Palmeri. In primo grado, la Procura aveva chiesto la condanna a 8 anni e 8 mesi. Nessun commento da parte del difensore di Mingrino, il penalista ennese Giovanni Palermo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X