CORTE D'APPELLO

Rifiuti a Nicosia, bloccato il sequestro di 608 mila euro al Comune

di

La Corte di appello di Caltanissetta dà ragione al Comune di Nicosia e dice no alla richiesta di sequestro conservativo per 608 mila euro per pagare i debiti nei confronti del Credito Siciliano spa per la gestione dei rifiuti. I giudici hanno accolto l’eccezione sollevata dall’avvocato Salvatore Timpanaro, difensore del Comune. L’ex Banco di Sicilia, che si è costituito assistito dall’avvocato Gaetano Franchina e dal professore Pietro Abadessa, ordinario di diritto commerciale presso l’Università Cattolica di Milano, luminare di diritto bancario, aveva chiesto il sequestro conservativo nell’ambito di una causa che attualmente è ancora in corso in appello. A promuoverla è stato il Credito Siciliano e coinvolti, tra gli altri, ci sono quindici comuni della provincia, compreso Nicosia, più la società Enna Euno e altri parti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X