LA DECISIONE

Assassinò la moglie a Regalbuto: inflitti 18 anni, "Non ci fu premeditazione"

Non ci fu premeditazione e per la scelta del rito abbreviato Rosario Giangrasso, originario di Regalbuto ma residente a Scandicci da molti anni, è stato condannato a 18 anni di carcere per l'omicidio della moglie. Il Tribunale di Firenze non ha riconosciuto il vizio parziale di mente e proprio per questo il difensore dell'uomo ha preannunciato il ricorso in appello.

Giangrasso che ha 54 anni, dovrà inoltre risarcire i due figli minori con una provvisionale di 50 mila euro per ciascuno.

Il 29 dicembre dello scorso anno Giangrasso, così hanno provato le indagini e riconosciuto il giudice Angelo Antonio Pezzuti, ha ucciso la moglie Dao, di 45 anni. Marito e moglie si trovavano in casa quando Giangrasso colpi la signora Dao alla testa e poi la strangolo' utilizzando delle fascette da elettricista.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X