LA STORIA

Il volontario ennese di Emergency si racconta: "In Aghanistan guerra mai finita"

di
L’ennese dopo avere vissuto esperienze in Sudan è ora a Kabul dove si occupa di organizzare le strutture sanitarie

ENNA. Un paese dove è insito nella popolazione il concetto di “guerra perenne”. Lo è l'Afganistan per l'ennese Mauro Cammarata logista per Emergency che dallo scorso giugno, dopo l'esperienza di quasi 2 anni in Sudan opera in questo stato gestendo i presidi sanitari dell'Ong fondata da Gino Strada sia nella capitale Kabul che in altre aree al Nord che al Sud di questo stato dove dal 2002 è presente un corposo contingente militare internazionale. Ma secondo Mauro in Afganistan la guerra non è mai terminata. Mauro in questi giorni è tornato a Enna per trascorrere in famiglia le feste.

Ritornerà in Afganistan il 2 gennaio rimanendovi sino a marzo. «Nelle mie esperienze di operatore umanitario dal 2008 in Birmania, Thailandia, Laos, Nepal, e sempre per Emergency in Sudan non mi era mai capitato di farlo in paesi in stato di guerra – racconta - e che l'Afganistan lo sia ancora non lo dico io ma i fatti. Si sa che i Talebani continuano a combattere, ma basta vivere a Kabul per rendersene conto. La città è “addobbata” di filo spinato e anche per entrare un un locale devi superare diversi Ceckpoint. In aeroporto dall'ingresso all'imbarco ne devi superare 7. È la stessa autonomia di movimento che è limitata. La nostra viene gestita dall'Inso (International NGO Security Office) che ci aggiorna tramite Sms su quali sono in quel preciso momento le zone della città dove non andare».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X