stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Enna, accoltella e tenta di strangolare la sua ex: chiesta la scarcerazione
TRIBUNALE

Enna, accoltella e tenta di strangolare la sua ex: chiesta la scarcerazione

di

ENNA. Secondo la Procura, ha cercato di uccidere la sua ex accoltellandola e tentando di strangolarla. Ma adesso la difesa di Giovanni C., il ventiquattrenne arrestato ai domiciliari dalla squadra mobile e dalla sezione Volanti della Questura la sera del 21 aprile scorso, ha deciso di ricorrere al Tribunale del Riesame. Il difensore chiede la revoca dei domiciliari, la "scarcerazione", ma soprattutto di derubricare, già in istruttoria, la qualificazione giuridica del fatto, da tentato omicidio a lesioni aggravate.

Secondo la difesa, che contesta in parte anche la ricostruzione dei fatti emersa - anche se ancora non si conoscono i contenuti del ricorso, depositato a Caltanissetta - non ci sarebbero i presupposti per il tentato omicidio. Da qui la con testazione dei gravi indizi e delle esigenze cautelari che hanno imposto i domiciliari. Ma se ne parlerà martedì prossimo a Caltanissetta, dinanzi al Tribunale di Libertà. Sarà il primo banco di prova per le accuse, sostenute dal Pm Francesco Rio, che coordina l' inchiesta degli agenti, diretti dal commissario capo Alessandro Scardina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X