stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca «Inquinamento a Cozzo Vuturo», chiesti tre rinvii a giudizio
PROCURA DI ENNA

«Inquinamento a Cozzo Vuturo», chiesti tre rinvii a giudizio

di

MESSINA. Il percolato della discarica di Cozzo Vuturo ha provocato un disastro ambientale, contaminando i terreni e le sottostanti falde acquifere.

Ne è convinta la Procura di Enna, che ha chiesto 3 rinvii a giudizio per l’inchiesta aperta a seguito dell’esposto presentato, due anni fa, da un gruppo di proprietari terrieri della zona circostante la discarica ennese, che hanno anche manifestato pubblicamente, trovando anche il sostegno del Movimento 5 Stelle, sia a livello locale che regionale.

Le richieste di rinvio a giudizio sono del titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore Francesco Rio, che ha deciso di esercitare l’azione penale nei confronti di del quarantaduenne Salvatore Rindone, leonfortese, in veste di direttore tecnico dell’Ato Enna Euno, difeso dall’avvocato Angela Anello; del quarantaseienne Roberto Palumbo, catanese di Paternò, indagato in qualità di direttore tecnico di Sicilia Ambiente, difeso dall’avvocato Salvatore Timpanaro; e del trentanovenne catanese Luigi Lanza, nella veste di direttore dei lavori, difeso dall’avvocato Massimo Garozzo. Le ipotesi di reato per cui la Procura procede sono quattro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA-ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X