stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Nicosia, il Comune si schiera al fianco di Coldiretti contro il Ceta
AGRICOLTURA

Nicosia, il Comune si schiera al fianco di Coldiretti contro il Ceta

di

NICOSIA. Il Consiglio comunale e amministrazione con Coldiretti contro il trattato Ceta (Comprehensive economie and trade agreement) per difendere l’economia agricola locale.

Il trattato, recentemente negoziato tra Unione Europea e Canada, mira a liberalizzare gli scambi tra i due mercati continentali, accordando - questa la preoccupazione di Coldiretti sposata dall’amministrazione locale nicosiana - a livello internazionale il via libera alle imitazioni dei prodotti tipici e «spalancando le porte all'invasione di grano duro e a ingenti quantitativi di carne a dazio zero».

Sempre Coldiretti fa sapere che con la prospettiva dell'entrata in vigore del Ceta è aumentata, in Italia, del 15% l’importazione di grano duro del Canada solo nei primi due mesi del 2017. Ma oltre al grano il trattato dà il via libera all’importazione, a dazio zero, per circa 75 mila tonnellate di carni suine e 50 mila tonnellate di carne bovina dal Canada, dove vengono utilizzati ormoni per l'accrescimento vietati in Italia.

Dall’accordo emerge che all'Italia sono riconosciute 41 indicazioni geografiche contro gli attuali 291 Dop e Igp, per Coldiretti questo porterebbe a gravissimi impatti sul piano della perdita della qualità dei prodotti locali.

Il 24 luglio scorso il punto era stato discusso in Consiglio comunale, aveva ottenuto 10 voti favorevoli, due astenuti e il solo voto contrario del consigliere di Forza Italia, Filippo Giacobbe. Il 14 agosto anche la giunta comunale ha approvato il documento della Coldiretti in difesa delle specificità locali e della tutela di quella importante fascia economica che è il primo settore dell’economia locale.

La Coldiretti di Enna ha inviato a sindaci e presidenti dei consigli comunali dei Comuni della provincia una proposta di delibera, invitandoli ad una discussione che condivida la sua azione contro il Ceta il cui iter arriva da lontano.

I negoziati iniziarono nel 2009 e il trattato fu firmato ad ottobre 2016. Per l'Unione europea il trattato, che è stato approvato dal Parlamento europeo il 15 febbraio scorso, entrerà in vigore il 21 settembre prossimo, in via provvisoria perché deve essere ratificato dai parlamenti nazionali dei 28 Stati membri e di alcuni regionali, per un totale di 38 assemblee. Se anche una sola assemblea bocciasse l'accordo, l'applicazione definitiva del Ceta non sarà più possibile e il trattato non potrà entrare in vigore in via definitiva.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X