Villa del Casale, box e parcheggi ancora fermi

Parcometri coperti dalla plastica, ma anche casse per i biglietti chiuse. La Provincia cerca una soluzione

PIAZZA ARMERINA. Potrebbe essere una conferenza di servizi tra tutti gli enti, convocata dal presidente della Provincia Pippo Monaco, a sbrogliare la difficile matassa dei nuovi servizi inutilizzati della Villa Romana del Casale. Parcheggi e box commerciali, costati oltre 6 milioni di euro, tuttora rimangono desolatamente vuoti. La Provincia starebbe attendendo l’approvazione del bilancio da parte del consiglio comunale piazzese per attivare il tavolo di confronto al quale dovrebbe prendere parte anche il Parco Archeologico della Villa.
Da una parte i parcheggi a pagamento per pullman, camper e auto: la Provincia ha assegnato già molti mesi fa la gestione dei ticket ad una società agrigentina, ma il servizio continua a non partire per un problema legato alle polveri sollevate dalla pavimentazione sbriciolata che influirebbe sui lettori ottici delle barre in movimento. Dall’altra parte la nuova area commerciale, con 22 box in legno per la vendita di souvenir che rimangono vuoti a causa del conflitto istituzionale che si è venuto a creare tra la giunta comunale armerina di centrosinistra e il consiglio comunale a maggioranza di centrodestra. L’aula ha approvato un regolamento per l’assegnazione dei punti vendita, ma la giunta e gli uffici non lo attuano perché giudicano il testo “illegittimo” in molte sue parti.
Un servizio nell'edizione di Enna del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati