A Gagliano un centro per la differenziata

L'area dovrebbe finalmente entrare in attività entro gennaio

GAGLIANO CASTELFERRATO. La filiera dei rifiuti differenziati in provincia si arricchisce di un altro importante tassello. Entro gennaio dovrebbe finalmente entrare in attività il Centro intercomunale di raccolta differenziata di Gagliano Castelferrato. A darne notizia è il presidente del collegio di liquidazione della società d'ambito Ennaeuno Giovanni Interlicchia. L'impianto costato diversi milioni di euro, e terminato ormai da un paio di anni rischiava di rimanere chiuso a causa di pastoie burocratiche ed “incomprensioni” tra il sindaco di Gagliano Salvatore Prinzi con i vertici di Ennaeuno ed il presidente della Provincia Giuseppe Monaco. Ma pare che finalmente tutto si sia risolto e quindi adesso per la messa in opera mancano solamente alcuni dettagli e le operazioni di verifica di funzionamento e manutenzione di tutte le apparecchiature che stavano rischiando di andare in malora con un grave danno per l'erario. «Siamo ormai alle battute finali – conferma Interlicchia – ormai tutti gli ostacoli sono stati e quindi ritengo che entro gennaio l'impianto potrà entrare in funzione e potremo programmare al meglio l'attività di raccolta differenziata». L'impianto definito all'avanguardia ha una capacità lavorativa per circa 20 mila persone visto che dovrebbe servire i comuni di Gagliano Castelferrato, Troina e Agira con la possibilità di poter differenziare con metodi innovativi 13 frazioni di rifiuto secco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati