Capodanno, notte di fuoco in Sicilia: il bilancio

I più gravi sono ricoverati nel reparto di Oculistica del Policlinico per schegge negli occhi. Altri due feriti sono stati medicati al pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele e quattro a quello del Garibaldi. A Palermo a fuoco una stalla di Carini, che ha ucciso due cavalli e un maiale. Bruciati anche vari cassonetti dell'immondizia

CATANIA. Sono nove, tre delle quali con la prognosi riservata, le persone medicate negli ospedali di Catania per ferite da 'bottì per i festeggiamenti del Capodanno. I più gravi sono ricoverati nel reparto di Oculistica del Policlinico per schegge negli occhi. Altri due feriti sono stati medicati al pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele e quattro a quello del Garibaldi.  Uno dei tre ricoverati nel Policlinico di Catania con la prognosi riservata è un 32enne che è stato colpito alla testa da un proiettile vagante sparato per festeggiare l'arrivo del nuovo anno. Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro l'ingresso dell'ufficio postale di via del Plebiscito a Catania. I carabinieri ritengono di potere escludere che quest'ultimo possa trattarsi di un evento intimidatorio.

Quindici i feriti a Palermo, di cui nessuno grave. Due feriti a Partinico per uso di arma da fuoco. Sempre a Partinico si registra un incendio in c.da Madonna del ponte con all’interno cassette di plastica, lavorano per oltre quattro ore, 3 squadre da Partinico e Palermo;
dopo la mezzanotte numerosi interventi per incendio di rifiuti nella città e a Capaci.
Un incendio di una stalla a Carini in via Milazzo ha ucciso due cavalli e un maiale, si sono effettuati rilievi sulle cause per accertarne la natura ; a Camporeale una stalla con all’interno del fieno ha bruciato circa 100 metri quadri di masserizie . Non sono mancati i servizi di apertura porta, che normalmente si effettuano a persone distratte che hanno dimenticato le chiavi, o non riescono ad aprire la loro porta.

Un incendio nel balcone di un'abitazione di via Cassia causato dallo scoppio di un petardo
e un romeno di 29 anni ferito a un mano per uso improprio di materiale pirico, giudicato guaribile in 15 giorni. È il bilancio di incidenti da 'bottì di Capodanno a Siracusa, reso
noto dalla polizia.

I carabinieri hanno sequestrato 814 petardi e giochi pirotecnici di vario genere in un'auto sul viale Gazzi a Messina. Denunciato un 20enne, possessore dei 'bottì, per detenzione abusiva di materiale esplodente. Dentro l'auto il giovane nascondeva giochi pirotecnici, alcuni dei quali di manifattura artigianale e privi di marchio, altri di libera vendita e molti di genere vietato. Una 47enne è stata colpita da un petardo all'occhio destra durante il lancio dei botti di fine anno a Oliveri, nel Messinese. La donna è stata trasportata all'ospedale di Milazzo, dove i medici le hanno riscontrato lesioni al bulbo oculare destro e l'hanno ricoverata con la prognosi riservata. Indagano i carabinieri.

Un 19enne di Messina è stato arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico
ufficiale dalla polizia. Il giovane, che si era recato sul lungomare di Patti, nel messinese, per festeggiare l'arrivo del nuovo anno, è stato fermato da agenti al culmine di una lite
tra coetanei. Alla vista degli investigatori il giovane si è scagliato contro con calci e pugni, colpendone uno con una testata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati