Dittaino, spiragli di ripresa per i dipendenti della Ipra

Niente mobilità, ma cassaintegrazione in deroga per i 67

ENNA. Per i 67 lavoratori dell'Ipra di Dittaino c'è una flebile speranza che la loro azienda possa riprendere l'attività magari con una nuova proprietà. Infatti per i lavoratori nei prossimi giorni non verrà avviata la procedura di accesso alla mobilità che significava anticamera del licenziamento, ma della cassa integrazione in deroga.
Un beneficio questo che viene assegnato dallo stato solo se per l'azienda interessata c'è ancora la possibilità di ripresa produttiva. Quindi in un momento in cui la "tempesta" della crisi economica nazionale ed internazionale imperversa ancora sul territorio provinciale lasciando solo macerie e disoccupazione, quanto meno arriva un segnale di speranza anche perchè l'Ipra insediata nell'area industriale di Dittaino sino a qualche anno fa nel panorama produttivo provinciale era definita un vero gioiello. Infatti Dall'inizio degli anni 90 sino a qualche anno fa aveva operato a pieno regime nella produzione di prodotti farmaceutici occupando sino ad oltre un centinaio di dipendenti. Ma poi il mercato globale che non permette di rimanere in attività chi tiene alti i costi di produzione e la crisi mondiale che continua a spazzare via tutto, ha fatto avviare la parabola discendente dell'azienda, che nel giro di pochi anni ha dovuto ridurre la produzione, applicare ai lavoratori dapprima i contratti di solidarietà e poi la cassa integrazione ordinaria prima e straordinaria a zero ore dopo. Quest'ultimo beneficio dopo due anni è scaduto lo scorso mese di dicembre e per i lavoratori ormai sembravano che si fossero spalancate le porte della mobilità e quindi del licenziamento. Ma invece proprio in questi giorni ai segretari provinciali di categoria di Cgil, Cisl e Uil è stata comunicata la notizia positiva. Adesso non si attende che qualche gruppo imprenditoriale si faccia avanti per chiedere magari di rilevare l'azienda o parte di essa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati