Piazza Armerina, fanno un esposto a suo nome ma lui non sapeva: "Una vigliaccata"

A raccontare l’episodio pubblicamente, nel corso della seduta di venerdì sera, il consigliere Renato Incardona. “Una persona meschina, un vigliacco che non sa assumersi la sua responsabilità, ha falsificato la mia firma ed ha inviato all’autorità giudiziaria un esposto con il quale io non ho nulla a che fare”

PIAZZA ARMERINA. Viene chiamato dalla Digos della Questura di Enna e dai carabinieri per un esposto a suo nome arrivato alla Procura di Enna contro il segretario generale comunale Carolina Ferro. Ma qualcuno aveva falsificato la sua firma attribuendogli la paternità dell’esposto, in realtà anonimo. A raccontare l’episodio pubblicamente, nel corso della seduta di venerdì sera, il consigliere Renato Incardona. “Una persona meschina, un vigliacco che non sa assumersi la sua responsabilità, ha falsificato la mia firma ed ha inviato all’autorità giudiziaria un esposto con il quale io non ho nulla a che fare”, ha detto Incardona, il quale non ha escluso che l’autore reale dell’esposto possa essere un altro consigliere comunale. “Dico a questa persona, non so se è qua dentro o fuori, che è un miserabile”, ha concluso il consigliere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati