Brucellosi a Leonforte, "sigilli" a 4 allevamenti

Enna, Archivio

LEONFORTE. Il Comune ha disposto il sequestrato di quattro allevamenti, per un totale di centinaia di capi di bestiame, per brucellosi e tubercolosi bovina. I feti dovranno essere distrutti, e per queste mandrie sono vietate ogni genere di transumanza e riproduzione. Il sindaco ha emesso quattro distinte ordinanze, al fine di evitare la diffusione delle zoonosi. La brucellosi bovina riguarda un allevamento di contrada Cernigliere, a due passi dalla zona nord della città; mentre i tre casi di tubercolosi bovina sono stati individuati nelle contrade Bozzetta, Scavo e Mistri Soprana. Le precauzioni imposte dal Comune agli allevatori sono più o meno le stesse. J.Tr.

UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati