Piazza Armerina, biglietto unico a Villa Romana: si tenta nuova carta contro il mordi e fuggi

Enna, Archivio

PIAZZA ARMERINA. Oltre 40 tour operator provenienti dalle principali città siciliane hanno visitato per tre giorni la città dei mosaici. L'obiettivo degli imprenditori del settore ricettivo e dei servizi turistici è quello di convincerli a dirottare quanti più turisti nel centro storico armerino. Operatori delle principali agenzie siciliane che fanno il prezioso lavoro di "incoming" nei confronti dei gruppi di turisti stranieri che in centinaia di migliaia ogni anno visitano la Villa Romana del Casale, ma non il centro storico armerino. Per questo la neonata associazione Mira 1163, in collaborazione con la Sts Servizi Turistici, ha deciso di ospitarli in città per far vedere loro le potenzialità del territorio. Hanno fatto tappa nel sistema museale piazzese, hanno visitato il centro storico, la cattedrale, oltre che la Villa Romana di sera, poi Morgantina e il museo archeologico di Aidone. «Importante poter indirizzare più visitatori non al mordi e fuggi, spingendoli a soggiornare almeno qualche giorno per fare scoprire la storia e gustare i profumi della città», dice Francesco Galati, ex dirigente del settore comunale Beni culturali e presidente di Mira 1163.

IL SERVIZIO NELL’EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati