Nicosia, ora sarà il Comune a gestire i rifiuti

NICOSIA. Firmato dal commissario regionale per l'emergenza rifiuti, Marco Lupo, il decreto che istituisce l'Aro Nicosia.
Il servizio di nettezza urbana è tornato a diretta gestione comunale. A dare la notizia il sindaco Sergio Malfitano che ieri, dopo una serie di interlocuzioni andate a vuoto, ha ricevuto l'approvazione del Piano dall'Assessorato regionale territorio e ambiente.
«È un grande risultato - commenta a caldo il sindaco Sergio Malfitano - non solo per l'amministrazione comunale ma per tutti i nicosiani che potranno finalmente avvantaggiarsi di un servizio migliore e a costi più bassi. Sono veramente felice di aver potuto garantire ai miei concittadini l'impegno che avevo preso in campagna elettorale».
Il Piano era stato presentato a dicembre scorso. L'amministrazione aveva preventivato di poter gestire il servizio fin dai primi giorni di gennaio, poi la data era stata spostata a giorno 16, ma la firma del decreto continuava a non arrivare.
«Ottenere questo risultato non è stato facile - ammette Malfitano - ma lo abbiamo portato a casa e questa è la cosa più importante, ma questo risultato è frutto - sottolinea - dell'ottimo lavoro portato avanti dia nostri uffici che sono già pronti per proseguire l'iter di gestione diretta».
Per erogare il servizio il Comune ha necessità di appoggiarsi ad una ditta esterna e quindi dovrà bandire la gara d'appalto, ma nel frattempo la raccolta dei rifiuti sarà garantita in forma diretta attraverso il nolo a freddo dei mezzi necessari.
«Noi come Comune metteremo il personale - conferma Malfitano - mentre i mezzi di prenderemo con un nolo a freddo. Nel frattempo indiremo la gara d'appalto per affidare il servizio nella sua interezza ma i tempi non saranno lunghi. Il nostro obiettivo rimane quello di offrire un buon servizio riducendo i costi e quindi di ribaltare quanto vissuto dai cittadini che, negli ultimi anni con la gestione Ato - Sicilia Ambiente, hanno visto peggiorare il servizio ed aumentare, in maniera inspiegabile, i costi».
Il Piano che nelle previsioni abbassa e di parecchio la spesa per il servizio di nettezza urbana e punta sulla raccolta differenziata, riorganizza il servizio di igiene ambientale e lo fa anche attraverso un cronoprogramma. «Prevediamo un costo procapite di 110 euro, che è veramente basso rispetto a quanto abbiamo pagato negli ultimi anni". Nei primi sei mesi, che saranno quelli di adattamento alla nuova gestione che dovrà avvenire attraverso gara d'appalto si prevede una impostazione di gestione analoga a quella attuale. Durante questo periodo, però, si inizierà a potenziare la raccolta differenziata che dovrebbe arrivare al 50% nel secondo semestre dell'anno.
«Tra i nostri obiettivi primari - continua il sindaco Malfitano - c'è il rilancio della raccolta differenziata per abbattere i costi di conferimento in discarica e nello stesso tempo per tutelare l'ambiente».
Prima di affidare il servizio con una gara passeranno dei mesi, nel frattempo la strada che si percorrerà sarà quella dell'affidamento diretto temporaneo.
«Affideremo subito il servizio e nel frattempo bandiremo la gara d'appalto - conferma Malfitano - ma intanto sarà da subito attivo l'Ecopunto che si inaugura oggi pomeriggio e che consentirà a tutti noi nicosiani, dalla prossima settimana, di riciclare i nostri rifiuti in maniera responsabile».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati