Piazza Armerina, chiese e uffici «vietati» ai disabili: all’Anagrafe ora c’è un citofono

PIAZZA ARMERINA. Chiese e uffici comunali inaccessibili ai portatori di handicap e tre associazioni di disabili lanciano un appello al nuovo vescovo don Rosario Gisana per abbattere le barriere architettoniche della città. Un censimento effettuato dai volontari dell'Aias sull'accessibilità degli uffici pubblici e privati aperti al pubblico ha fatto emergere come nella città dei mosaici la maggior parte degli uffici siano inaccessibili. Ed è emerso come anche in quasi tutte le chiese di fatto è impedito l'ingresso ai disabili con problemi motori. I volontari sono costretti a trasportare a braccio i disabili sulle sedie a rotelle. Installato nel frattempo un citofono, così come proposto dalle associazioni, all'ingresso del palazzo comunale di via Muscarà, sede dell'Anagrafe e dei Servizi sociali.


L'ARTICOLO COMPLETO NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati