Piazza Armerina, elettrodomestici abbandonati nelle strade

PIAZZA ARMERINA. Tonnellate di elettrodomestici abbandonati in giro per la città dei mosaici. Quella che è diventata una vera e propria emergenza ambientale finisce in consiglio comunale, con il consigliere Teresa Neglia che ha presentato un'interrogazione al sindaco Filippo Miroddi e al Comando della Polizia municipale, chiedendo soluzioni immediate e una campagna di monitoraggio e vigilanza da parte dei vigili urbani. Decine e decine di elettrodomestici e materassi vengono scaricati accanto ai cassonetti, in diversi punti del centro urbano, ma non un verbale di contravvenzione sarebbe mai scattato per punire i trasgressori. Per questo si chiedono anche servizi speciali di controllo a sorpresa. «L'abbandono selvaggio di rifiuti costituisce reato perseguibile dagli organi di polizia giudiziaria», sottolinea il consigliere Neglia, che chiede di sapere se l'amministrazione comunale abbia "provveduto a segnalare tale emergenza alla società che gestisce il servizio per rimuovere gli elettrodomestici abbandonati". "In che modo intende intervenire per limitare i danni alla salute dei propri cittadini?", aggiunge l'esponente politico. Numerosi i frigoriferi, almeno cinque, accatastati accanto ai contenitori della raccolta dei rifiuti, di fronte al campetto di calcio del quartiere Canali, con i residenti che chiedono l'installazione di opportuna cartellonistica, con il divieto di scarico dei rifiuti speciali, e si dicono pronti a denunciare chi violerà le disposizioni di legge. Elettrodomestici di ogni tipo, materiale plastico, ferroso e vecchi mobili sono rimasti a lungo anche in via Giacinto Lo Giudice, di fronte al cosiddetto "Buco della Castellina", e in via Libero Grassi, anche qui accanto ai cassonetti dei rifiuti, all'incrocio con via Benedetto Croce. E l'elenco è molto lungo e coinvolge le vie cittadine e tutte le contrade attorno al centro urbano. Alcune discariche illegali di rifiuti speciali sono state sequestrate in periferia dagli uomini del distaccamento del Corpo Forestale. Ro.Pa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati