Regole e multe a Pietraperzia, «stretta» sui proprietari dei cani

PIETRAPERZIA. I cani, anche se custoditi, non possono entrare nelle aree destinate ai giochi dei bambini. Per i proprietari obbligo di paletta, sacchetti ed altri "strumenti" del genere per "lo smaltimento adeguato" degli escrementi. Sanzioni molto pesanti per i trasgressori. Lo stabilisce, con propria ordinanza il sindaco Enzo Emma. "Sulle aree pubbliche, in quelle soggette a servitù di pubblico passaggio - scrive oil sindaco Emma - o comunque aperte al pubblico viene di sovente riscontrata la presenza di cani di grossa taglia senza museruola che causano disagi per la fruizione degli spazi pubblici da parte della collettività, nonché possibili rischi per la salute della popolazione, con particolare riferimento alle fasce più esposte, quali bambini". Tali gravi inconvenienti - scrive ancora il sindaco Emma - sono dovuti all'incuria ed al malcostume di taluni proprietari e/o possessori di cani, che durante la conduzione degli stessi, evidentemente trascurano l'incolumità dei più deboli". E aggiunge: Abbiamo ricevuto reiterate segnalazioni e lamentele aventi ad oggetto situazioni di pericolo per la sicurezza e incolumità delle persone a causa della presenza di cani lasciati liberi e privi di custodia in strade, parchi ed altri luoghi pubblici". "Il sindaco, ritenuto di dover mettere in atto, strumenti e provvedimenti di prevenzione per il miglior utilizzo da parte della cittadinanza degli spazi pubblici, in particolare di parchi, giardini ed altre aree verdi, nonché efficaci misure repressive sui comportamenti in grado di arrecare pregiudizio alla sicurezza dei cittadini, ordina ai proprietari, possessori, detentori a qualsiasi titolo di cani, di adottare idonei accorgimenti al fine di evitare possibili inconvenienti per l'incolumità, che possano trovarsi a circolare liberi ed incustoditi sulle aree pubbliche". Altre prescrizioni riguardano "il divieto di abbandonare escrementi del proprio animale su strade, marciapiedi, parchi e giardini, arredi urbani,aiuole, spazi prospicienti gli esercizi commerciali, accessi alle sedi pubbliche nonché alle civili abitazioni e su ogni altra superficie adibita a pubblico passaggio". "Chiunque conduca cani nei suddetti spazi - continua il sindaco Enzo Emma - dovrà munirsi di attrezzatura e portarla al seguito ". Il sindaco vieta anche "l'abbandono di cani sul territorio comunale, di lasciarli incustoditi o comunque liberi di circolare in aree pubbliche.Obbligo di guinzaglio e di museruola, durante la passeggiata, per i cani di grossa taglia e/o di razze da difesa o i cani particolarmente aggressivi". Per i trasgressori prevista la "sanzione pecuniaria da un minimo 25 ad un massimo di 500 euro".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati