IL CASO

Piazza Armerina, mobilitazione per evitare la chiusura del San Giuseppe

di

PIAZZA ARMERINA. Lavoratori e sindacati tentano la mobilitazione popolare il 9 luglio per il salvataggio in extremis della Casa di Riposo San Giuseppe, struttura fantasma ormai rimasta senza anziani e costretta a chiudere a causa dei debiti. Il sindacato Csa, con una nota inviata a tutte le istituzioni, alla Diocesi, alle forze sindacali, ai partiti politici e al mondo dell’associazionismo, ha lanciato un appello in difesa dell’istituto di Piano Sant’Ippolito.

Dal primo marzo ogni attività è stata sospesa, i 42 anziani ospiti, con un disagio psicologico rilevante, sono stati trasferiti in altre strutture. Il debito di oltre 2 milioni di euro, in parte consistente in stipendi arretrati ai lavoratori, non consentiva più neanche l’acquisto di latte, pasta e carne. Nove dipendenti di ruolo sono in aspettativa, altri 30 precari, invece, sono rimasti senza lavoro. Ogni dipendente, di ruolo o precario, vanta decine e decine di stipendi arretrati. «Dopo più di un secolo di lodevole e onorato servizio a favore delle classi più deboli della società la San Giuseppe viene chiusa da una politica regionale dissennata e cieca che non riesce a vedere al di là dei biechi numeri del calcolo politico e dell’opportunismo di maniera», dice Maria Di Bartolo, coordinatrice provinciale del sindacato Csa per i servizi socio-assistenziali.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X