TEATRO GARIBALDI

Piazza Armerina, il commovente abbraccio a Calcagno

di

PIAZZA ARMERINA. «Per me è stato un miracolo, se io ora mi trovo qua è per l’aiuto di Dio». È un Filippo Calcagno emozionato, ancora molto provato, con la voce tremula e un nodo alla gola, quello che ieri pomeriggio, al teatro Garibaldi, ha ricevuto l’abbraccio di un’intera comunità.

Il tecnico qualificato della Bonatti, 65 anni, tornato a casa dopo 228 giorni di prigionia in Libia, ha raccontato i momenti più salienti della sua tragica esperienza in mano ad una banda di «criminali e balordi», come lui stesso li ha definiti, con rabbia e dolore. Ad accogliere l’ormai ex ostaggio piazzese nella piazzetta Semini, fuori dal teatro, il sindaco Filippo Miroddi, il vescovo don Rosario Gisana, le diverse forze dell’ordine e alcune classi delle scuole dell’obbligo della città, mentre la banda musicale ha prima reso onore ai due colleghi di Calcagno rimasti uccisi, con il Silenzio, e poi suonato l’Inno di Mameli, mentre l’uomo si stringeva ai familiari.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X