ENNA

Umberto I, rete di emergenza è ok: due partorienti salvate in 72 ore

di

ENNA. Umberto I, salvata la vita di due donne nel giro di 72 ore per un totale di cinque interventi d’emergenza nell’arco di dieci giorni. Aumentano le gravidanze ad alto rischio e l’Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale ennese, terzo Centro Hub in Sicilia, fronteggia con competenza le difficoltà che emergono da un bacino d’utenza vasto (Enna –Caltanissetta-Agrigento).

La tempestività dell’unità d’emergenza e quindi la rete Ostetricia, Neonatologia e Rianimazione insieme a 118 e elisoccorso hanno reso possibile dei veri miracoli. In un paio di giorni 40 sacche di sangue e plasma fornite dal Centro trasfusionale e interminabili ore in sala operatoria per l’equipe guidata da Giuseppe La Ferrera, primario di ostetricia.

A raccontare le loro storie alcune delle pazienti – che in bilico tra la vita e la morte – adesso sorridono in reparto. Tre storie personali e quadri clinici diversi ma un lieto fine comune. Valentina, 25 anni di San Giorgio, alla sua prima gravidanza è giunta in stato di shock in elisoccorso dal punto nascita di Nicosia. Dopo il parto cesareo sono subentrate delle complicazioni. «Ricordo solo – dice con volto pallido ma sorridente – il mio risveglio in questa camera e le attenzioni di tutti medici e infermieri». La ragazza rischiava di perdere l’utero.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X