IL CASO

Il caso "Ecopunto" fermo da anni ad Enna, chiesta la riapertura

di

ENNA. «Su di noi avviata la macchina del fango». È il commento dei soci della coop giovanile «Liberambiente Enna» che hanno gestito per alcuni anni l’Ecopunto e che stanno lottando per farlo riaprire. Questo strumento di raccolta differenziata, che assegnava a chi conferiva rifiuti dei punti da «scambiare» poi con generi di prima necessità, rimane ormai inattivo da oltre 2 anni.

E sulla vicenda ormai è stato alzato un muro di gomma con rimpalli di competenze tra la cooperativa, l’Ato Ennaeuno ed il Comune, e sulla quale nessuno riesce a capire dove inizino le responsabilità dei primi e quelle dei secondi. Il Comune, agli inviti di rinnovare la gestione alla coperativa, ha replicato che non è parte del contratto, per cui non ha competenza e non può intervenire in materia; dall’Ato Ennaeuno hanno più volte affermato che non possono concedere a Liberambiente Enna il sito del centro comunale di raccolta di contrada Scifitello. Sta di fatto che una realtà come quella dell’Ecopunto, che riusciva a riciclare anche oltre 3 tonnellate al giorno di rifiuti. Ma i responsabili della Coop Liberambiente non si arrendono e continuano nelle loro rivendicazioni, tra l’altro adesso supportate da una buona fetta della popolazione del capoluogo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X