IN APPELLO

Ordini pure dal carcere: 15 anni al presunto boss di Catenanuova

di

ENNA. Quindici anni al presunto boss Salvatore Leonardi, catenanuovese ritenuto dalla Dda legato a doppio filo con il clan di Enna, che avrebbe dato ordini dall'interno del carcere, fin quando non gli hanno applicato il 41 bis, il cosiddetto «carcere duro» per i capimafia. E nove anni a Salvatore Marletta, ritenuto dagli investigatori una sorta di suo fedelissimo.

La Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato integralmente le due pesanti condanne per associazione mafiosa che erano state emesse nel novembre del 2013 a Enna per i due catenanuovesi coinvolti nell'operazione Fiumevecchio.

Leonardi, benché sia detenuto da tempo, secondo la Dda di Caltanissetta comandava lo stesso dal carcere. Il pm Roberto Condorelli in primo grado aveva chiesto per lui 18 anni (e 12 per Marletta), visto che viene ritenuto la «longa manus» a Catenanuova del clan di Cosa Nostra di Enna, capeggiato da Gaetano Leonardo «u liuni», prima, poi dal giovane Giancarlo Amaradio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X