PRIMI MESI 2016

Guardia di finanza, oltre quattrocento denunce per frode a Enna

di

ENNA. Nella prima metà del 2016, la Guardia di finanza ha scoperto 7 evasori fiscali totalmente sconosciuti al fisco, denunciato tre persone per reati fiscali, recuperato imposte non pagate per 13 milioni di euro e violazioni dell' Iva per altri 3 milioni. Sono alcuni dei dati forniti ieri mattina dal comandante provinciale della Guardia di finanza, il colonnello Giuseppe Licari, in occasione della festa per l'anniversario numero 242 della Fondazione del Corpo. Una cerimonia che si è svolta all'interno dei locali del comando e all' insegna della sobrietà, come accade ormai da diversi anni a questa parte. Ieri comunque dal comando sono usciti i dati operativi degli ultimi mesi, che parlano di ben 82 controlli fiscali eseguiti, di una base imponibile accertata, per quanto riguarda i sette evasori scoperti, di 1 milione e mezzo di euro.

Sono stati poi scoperti 29 lavoratori in nero o irregolari, eseguiti mille controlli di scontrini e ricevute fiscali e tre in materia di accise. Nel campo della prevenzione delle truffe all' Unione Europea o dei raggiri legati a incentivi o sovvenzioni pubbliche di vari settori, sono state denunciate ben 427 persone e constatate frodi per un totale di 8 milioni 200 mila euro. I danni erariali segnalati ammontano a 2 milioni 400 mila euro. jtr

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X