ENNA

Psicomotricista accusato di violenza, «credibili i racconti dei due ragazzi»

di

ENNA. Secondo il perito del Tribunale, il racconto su cui si fonda l' accusa, seppur proveniente da due ragazzini minorenni, sarebbe credibile e attendibile. Ma è già battaglia di perizie al processo a carico di uno psicomotricista di 48 anni, accusato di violenza sessuale aggravata e corruzione di minore ai danni di due ragazzi, rispettivamente di 16 e 12 anni all' epoca dei fatti, all' interno di un centro per riabilitazioni psico-motorie della provincia.

L'imputato è difeso dagli avvocati Maria Giambra e Antonio Impellizzeri. Il processo si celebra dinanzi al Tribunale collegiale di Enna, presieduto da Francesco Paolo Pitarresi. L'accusa è sostenuta dai Pm Francesco Lo Gerfo e Stefania Leonte. Dinanzi ai giudici hanno deposto dunque due esper ti, un perito fonico sulle intercettazioni e un perito, che ha deposto in merito all' incidente probatorio e alla capacità a testimoniare delle presunte vittime.

Una tesi, la totale attendibilità del racconto delle persone offese, che è contestata dalla difesa, perché una consulenza di parte sembrerebbe ipotizzare elementi di "suggestione" del racconto. La difesa, in sostanza, ha contestato i protocolli utilizzati per le prime audizioni dei minorenni.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X