ENNA

Bilancio, tensioni in Consiglio: nuove insidie per il sindaco Dipietro

di
consiglio comunale enna, enna, Maurizio Dipietro, Enna, Politica

ENNA. Al Comune turbolenze che annunciano terremoti con il gruppone del Pd che vuole anticipare la fine dell'esperienza del sindaco Maurizio Dipietro. I 90 deputati di Sala d' Ercole hanno varato ad agosto una legge sugli enti locali allargando la decadenza dei consigli comunali ai sindaci: sciolto il consesso civico, il primo cittadino è a casa.

La legge attende solo la pubblicazione in Gurs. Norme potenzialmente esplosive per Dipietro e i suoi considerato che sala d' Euno si appresta a discutere, bilancio di previsione 2016 e consuntivo 2015.

Due atti che se bocciati portano allo scioglimento del consiglio e quindi alla decadenza del sindaco. In pentola pure la scadenza di giugno 2017 quando scatta la possibilità di presentare e votare la mozione di sfiducia. Con la nuova legge regionale è possibile sfiduciare il sindaco con il 60 per cento dei consiglieri.

Ad Enna sono necessari 18 voti. Il Pd ne conta 15 ai quali dovrebbe aggiungere Cuci di Area popolare e Gloria di Sicilia democratica. Ma non bastano an cora e si renderebbe necessario almeno un altro consigliere per raggiungere lo scopo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati