LA PROTESTA

Ancora caos all'ex Provincia
"Niente soldi": fermi i servizi

di

ENNA. La protesta dei precari dell’ex Provincia ha il merito di aver acceso i riflettori su un problema vero, l’impossibilità di sopravvivere per l’ente. Ma allo stesso tempo lo ha spostato, forse a tutto vantaggio della Regione stessa. Il problema Province in Sicilia non si risolve trovando le somme per far continuare il lavoro ai precari. Questo è un intervento, giusto che deve essere fatto ma che è accessorio. Il vero problema è il futuro degli enti con la Regione che da tre anni a questa parte si scontra con Roma incancrenendo sempre di più i rapporti.

Nelle altre regioni gli interventi sono stati fatti e anche gli esuberi del personale risolti. Il vero dramma sta nell’incontro di lunedì scorso dei sindacati, in delegazione trattante, con i dirigenti dell’ex Provincia. Quest’ultimi hanno comunicato chiaro e tondo che l’ente è in dissesto e quindi hanno ribadito che non ci sono i soldi per i precari ma non ci sono neppure per le scuole con i presidi che non sanno come iniziare l’anno scolastico, non ci sono soldi per la viabilità con le strade provinciali oggi peggio delle trazzere, non ci sono soldi per sostenere gli studenti disabili e senza dimenticare che il dissesto porta alla mobilità del personale di ruolo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI ENNA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X